XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress
Tumori testa-collo

Uso di farmaci antiepilettici nella malattia epatica e renale


L'uso di farmaci antiepilettici nei pazienti con malattia renale o epatica è comune nella pratica clinica.
Poiché il fegato e i reni sono i principali organi coinvolti nella eliminazione della maggior parte dei farmaci, la loro disfunzione può avere importanti effetti sulla metabolizzazione dei farmaci antiepilettici.

La malattia renale o epatica può prolungare l'eliminazione del farmaco o di un suo metabolita attivo con conseguente accumulo e tossicità clinica.
Può anche influenzare il legame delle proteine, la distribuzione e il metabolismo di un farmaco.

Il legame dei farmaci anionici ( acidi ), come Fenitoina ( Dintoina ) e Valproato ( Depakin ), può essere ridotto in modo significativo dall’insufficienza renale, causando difficoltà di interpretazione delle concentrazioni sieriche totali comunemente utilizzate nella pratica clinica.

La dialisi può modificare ulteriormente i parametri farmacocinetici o provocare una rimozione significativa dei farmaci antiepilettici.

I farmaci antiepilettici che vengono eliminati invariati dai reni o subiscono un metabolismo minimo includono Gabapentin ( Neurontin ), Pregabalin ( Lyrica ), Vigabatrin ( Sabril ) e Topiramato ( Topamax ) quando vengono utilizzati come monoterapia.

I farmaci eliminati prevalentemente mediante biotrasformazione sono Fenitoina, Valproato, Carbamazepina ( Tegretol ), Tiagabina ( Gabitril ) e Rufinamide ( Inovelon ).

I farmaci eliminati da una combinazione di escrezione renale e biotrasformazione includono Levetiracetam ( Keppra ), Lacosamide ( Vimpat ), Zonisamide ( Zonegran ), Primidone ( Mysoline ), Fenobarbitale ( Gardenal ), Ezogabina / Retigabina ( Potiga ), Oxcarbazepina ( Tolep ), Eslicarbazepina ( Zebinix ), Etosuccimide ( Zarontin ) e Felbamato ( Taloxa ).
I farmaci in quest'ultimo gruppo possono essere usati con cautela nei pazienti con insufficienza renale o insufficienza epatica.

I farmaci antiepilettici ad alto rischio di essere rimossi dal trattamento emodialitico sono Etosuccimide, Gabapentin, Lacosamide, Levetiracetam, Pregabalin e Topiramato.

L'uso di farmaci antiepilettici in presenza di malattie epatiche o renali è complesso e richiede grande familiarità con la farmacocinetica di questi agenti.
Esami di follow-up più ravvicinati e un monitoraggio più frequente delle concentrazioni sieriche possono ottimizzare i risultati clinici. ( Xagena2014 )

Asconapé JJ, Handb Clin Neurol 2014; 119: 417-432

Neuro2014 Nefro2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro