Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Brivaracetam nel trattamento delle crisi epilettiche parziali refrattarie


Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza/tollerabilità di Brivaracetam, un nuovo ligando ad alta affinità della proteina 2A delle vescicole sinaptiche, che inibisce anche i canali neuronali del sodio voltaggio-dipendenti nei pazienti con crisi epilettiche parziali refrattarie.

Lo studio esploratorio, di fase IIb, in doppio cieco, randomizzato, a gruppi paralleli, placebo-controllato e a differenti dosi di farmaco è stato condotto in pazienti tra i 16 e i 65 anni con epilessia, andati incontro a 4 o più crisi parziali refrattarie nel corso delle 4 settimane basali nonostante l'utilizzo concomitante di 1-2 farmaci anti-epilettici.

I pazienti sono stati randomizzati in rapporto 1:1:1:1 a placebo, Brivaracetam 5 mg/die, Brivaracetam 20 mg/die o Brivaracetam 50 mg/die, somministrato 2 volte al giorno nel corso di un periodo di trattamento di 7 settimane.

L'endpoint primario di efficacia era la frequenza delle crisi parziali refrattarie/settimana nel corso del trattamento rispetto al placebo.

In totale, 208 pazienti hanno costituito la popolazione intention-to-treat e 197 hanno completato lo studio.

Le riduzioni percentuali medie stimate rispetto al placebo nella frequenza delle crisi/settimana sono state pari a 9.8% ( Brivaracetam 5 mg; p=0.240 ), 14.9% ( Brivaracetam 20 mg; p=0.062 ) e 22.1% ( Brivaracetam 50 mg; p=0.004 ).

Le riduzioni percentuali mediane dal basale nella frequenza delle crisi/settimana sono state 21.7% ( placebo ), 29.9% ( Brivaracetam 5 mg; p=0.086 ), 42.6% ( Brivaracetam 20 mg; p=0.014 ) e 53.1% ( Brivaracetam 50 mg; p inferiore a 0.001 ); i tassi di risposta uguali o superiori a 50% sono stati 16.7% ( placebo ), 32.0% ( Brivaracetam 5 mg; p=0.047 ), 44.2% ( Brivaracetam 20 mg; p=0.002 ) e 55.8% ( Brivaracetam 50 mg; p inferiore a 0.001 ); i tassi di assenza di crisi durante il periodo di trattamento di 7 settimane sono stati pari a 1.9% ( placebo ), 8.0% ( Brivaracetam 5 mg; p=0.193 ), 7.7% ( Brivaracetam 20 mg; p=0.193 ) e 7.7% ( Brivaracetam 50 mg; p=0.201 ).

Il farmaco è risultato ben tollerato; la maggior parte degli eventi avversi è stata lieve o moderata, con frequenza di manifestazione simile nel gruppo placebo e nei gruppi Brivaracetam e le interruzioni del trattamento correlate a eventi avversi della terapia sono risultate poco frequenti ( placebo 3.7%; Brivaracetam 2.6% ).

In conclusione, questo studio di intervento fornisce prove preliminari di classe I che l'aggiunta di Brivaracetam è efficace e ben tollerata nei pazienti di età compresa tra 16 e 65 anni con crisi epilettiche parziali. ( Xagena2010 )

French JA et al, Neurology 2010; 75: 519-525



Neuro2010 Farma2010


Indietro