Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Clearance dei farmaci antiepilettici durante la gravidanza e implicazioni cliniche per le donne con epilessia


È stata caratterizzata l'ampiezza e il decorso temporale delle variazioni di clearance correlate alla gravidanza per diversi farmaci antiepilettici: Levetiracetam, Oxcarbazepina, Topiramato, Fenitoina e Valproato.
Un obiettivo secondario era determinare se una diminuzione della concentrazione sierica di farmaci antiepilettici fosse associata a una maggiore frequenza di crisi convulsive.

Le donne con epilessia sono state iscritte pre-concepimento o all'inizio della gravidanza e seguite prospetticamente durante la gravidanza e il primo anno dopo il parto con diari giornalieri su dosi di di farmaci antiepilettici, aderenza e convulsioni.
Le visite con misurazioni della concentrazione degli antiepilettici sono avvenute ogni 1-3 mesi.

Le clearance degli antiepilettici in ciascun trimestre sono state confrontate con il livello al basale senza gravidanza aggiustando per età, etnia e ore post-dose.

Nelle donne in monoterapia, è stato utilizzato il test t a due campioni per confrontare il rapporto delle concentrazioni target ( RTC ) tra le donne con crisi epilettiche in peggioramento ogni trimestre e le donne senza.

Le clearance degli antiepilettici sono state calcolate per Levetiracetam ( n=18 gravidanze ), Oxcarbazepina ( n=4 ), Topiramato ( n=10 ), Valproato ( n=5 ) e Fenitoina ( n=7 ).

Sono stati raggiunti valori massimi medi di clearance per Levetiracetam nel primo trimestre ( 1.71 volte la clearance basale ) ( P=0.0001 ), Oxcarbazepina nel secondo trimestre ( 1.63 volte ) ( P=0.0001 ) e Topiramato nel secondo trimestre ( 1.39 volte ) ( P=0.025 ).

In 15 donne in monoterapia con farmaci antiepilettici, l'aumento della frequenza delle crisi epilettiche nel primo trimestre, nel secondo e in tutti i trimestri è stato associato a più basso rapporto delle concentrazioni target ( P minore di 0.05 ).

La clearance degli antiepilettici varia significativamente al primo trimestre per Levetiracetam e al secondo trimestre per Oxcarbazepina e Topiramato.
Un più basso RTC è stato associato al peggioramento delle crisi convulsive.
Il monitoraggio precoce dei farmaci terapeutici e l'aggiustamento della dose possono essere utili per evitare un aumento della frequenza delle crisi epilettiche. ( Xagena2018 )

Voinescu E et al, Neurology 2018; 91: e1228-e1236

Neuro2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro