Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Efficacia di Levetiracetam, Fosfenitoina e Valproato per lo stato epilettico accertato per fascia di età: studio ESETT


Si ritiene che lo stato epilettico refrattario alla benzodiazepina o accertato abbia patofisiologia simile nei bambini e negli adulti, ma le differenze nell'eziologia e nella farmacodinamica alla base potrebbero influenzare in modo diverso la risposta alla terapia.
Nello studio ESETT ( Established Status Epilepticus Treatment Trial ) sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Levetiracetam, Fosfenitoina e Valproato nello stato epilettico stabilito.
Sono stati descritti i risultati dopo l'estensione dell’arruolamento ai bambini per confrontare i risultati in tre gruppi di età.

In questo studio multicentrico, in doppio cieco, adattivo alla risposta, randomizzato e controllato, sono stati reclutati pazienti di 58 Dipartimenti di emergenza ospedaliera negli Stati Uniti.
I pazienti erano eleggibili per l'inclusione se di età pari o superiore a 2 anni, erano stati trattati per un attacco convulsivo generalizzato di durata superiore a 5 minuti con dosi adeguate di benzodiazepine e hanno continuato ad avere convulsioni persistenti o ricorrenti nel Pronto soccorso per almeno 5 minuti e non più di 30 minuti dopo l'ultima dose di benzodiazepina.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale in modo adattivo alla risposta, stratificando per fasce di età ( meno di 18 anni, 18-65 anni e più di 65 anni ), a Levetiracetam, Fosfenitoina o Valproato.

L'esito primario era l'assenza di convulsioni clinicamente evidenti con una migliorata coscienza e senza ulteriori anticonvulsivanti a 1 ora dall'inizio dell'infusione del farmaco.
L'esito di sicurezza primario era l'ipotensione potenzialmente letale o aritmia cardiaca.
I risultati di efficacia e sicurezza sono stati analizzati per intention-to-treat.

Tra il 2015 e il 2018 sono stati arruolati 478 pazienti e sono stati inclusi 462 pazienti: 225 bambini ( età inferiore a 18 anni ), 186 adulti (18–65 anni ) e 51 adulti più anziani ( più di 65 anni ).
175 pazienti ( 38% ) sono stati assegnati in modo casuale a Levetiracetam, 142 ( 31% ) a Fosfeniltoina e 145 ( 31% ) a Valproato.
Le caratteristiche di base erano bilanciate tra i trattamenti all'interno dei gruppi di età.

L'esito primario di efficacia è stato raggiunto nei pazienti trattati con Levetiracetam per il 52% dei bambini, il 44% degli adulti e il 37% degli adulti più anziani; con Fosfenitoina nel 49% dei bambini, 46% degli adulti e 35% degli adulti più anziani; e con Valproato nel 52% dei bambini, nel 46% degli adulti e nel 47% degli adulti più anziani.

Non sono state rilevate differenze nell'efficacia o nell'esito di sicurezza primario in base al farmaco all'interno di ciascuna fascia di età.
Ad eccezione dell'intubazione endotracheale nei bambini, gli esiti secondari di sicurezza non differivano significativamente in base al farmaco all'interno di ciascuna fascia d'età.

Bambini, adulti e anziani con stato epilettico stabilito rispondono in modo simile a Levetiracetam, Fosfenitoina e Valproato, con successo terapeutico in circa la metà dei pazienti.
Ognuno dei tre farmaci può essere considerato un potenziale farmaco di prima scelta, di seconda linea per lo stato epilettico refrattario alle benzodiazepine. ( Xagena2020 )

Chamberlain JM et al, Lancet 2020; 395: 1217-1224

Neuro2020 Farma2020


Indietro