Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia, sicurezza e tollerabilità della monoterapia con Lacosamide rispetto a Carbamazepina a rilascio controllato nei pazienti con epilessia di nuova diagnosi


Sono necessarie ulteriori opzioni di monoterapia per trattare l'epilessia di nuova diagnosi negli adulti.
Sono state valutate l'efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di Lacosamide ( Vimpat ) come opzione di prima linea in monoterapia per questi pazienti.

In uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, di non-inferiorità, i pazienti provenienti da 185 Centri per l’epilessia o di neurologia generale in Europa, Nord America e nella regione dell'Asia Pacifico, di età a partire da 16 anni e con epilessia di nuova diagnosi, sono stati assegnati a ricevere due volte al giorno la somministrazione di Lacosamide in monoterapia oppure Carbamazepina a rilascio controllato ( Carbamazepina CR ).

Dalle dosi iniziali di 100 mg/die di Lacosamide o 200 mg/die di Carbamazepina CR, l'up-titolazione al primo livello target di 200 mg/die e 400 mg/die, rispettivamente, ha avuto luogo in 2 settimane.
Dopo un periodo di stabilizzazione di 1 settimana, i pazienti hanno iniziato un periodo di valutazione di 6 mesi.

Se si verificava un episodio di convulsione, la dose veniva titolata al livello successivo ( 400 o 600 mg/die per Lacosamide e 800 o 1.200 mg/die per Carbamazepina CR ) per 2 settimane con un periodo di stabilizzazione di 1 settimana, e il periodo di valutazione di 6 mesi aveva nuovamente inizio.

I pazienti che hanno completato 6 mesi di trattamento e sono rimasti senza convulsioni hanno iniziato un periodo di mantenimento di 6 mesi alla stessa dose.

L'esito di efficacia primaria era la percentuale di pazienti che restavano liberi da convulsioni per 6 mesi consecutivi dopo la stabilizzazione all'ultima dose esaminata. 
I criteri predefiniti di non-inferiorità erano -12% di differenza assoluta e -20% di differenza relativa tra i gruppi di trattamento.

Lo studio è stato effettuato tra il 2011 e il 2015. 888 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale.
444 pazienti che assumevano Lacosamide e 442 trattati con Carbamazepina-CR sono stati inclusi nel set completo di analisi (hanno assunto almeno una dose di trattamento di studio) e rispettivamente 408 e 397 sono stati inclusi nel set per protocollo.

Nel set completo di analisi, 327 pazienti (74%) nel gruppo Lacosamide e 308 (70%) nel gruppo Carbamazepina CR hanno completato 6 mesi di trattamento senza convulsioni.
La percentuale di pazienti nel set completo di analisi prevista dal metodo Kaplan-Meier senza convulsioni a 6 mesi era del 90% assumendo Lacosamide e del 91% assumendo Carbamazepina CR ( differenza di trattamento assoluto: -1.3%, differenza di trattamento relativa: -6.0% ).

I risultati delle stime di Kaplan-Meier erano simili nel set per protocollo ( 92% e 93%; -1.3%, -5.7% ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento sono stati riportati in 328 pazienti ( 74% ) trattati con Lacosamide e in 332 ( 75% ) trattati con Carbamazepina CR.
32 pazienti ( 7% ) che assumevano Lacosamide e 43 ( 10% ) che assumevano Carbamazepina CR hanno avuto gravi eventi avversi emergenti dal trattamento e 47 ( 11% ) e 69 pazienti ( 16% ) hanno avuto eventi avversi emergenti dal trattamento che hanno portato al ritiro.

Il trattamento con Lacosamide ha soddisfatto i criteri di non-inferiorità predefiniti rispetto a Carbamazepina CR.
Pertanto, potrebbe essere utile come monoterapia di prima linea per gli adulti con epilessia di nuova diagnosi. ( Xagena2017 )

Baulac M et al, Lancet Neurology 2017; 16: 43-54

Neuro2017 Farma2017


Indietro